Skip to content

FOTUN.INFO

Amici delle Nazioni Unite. Condividi i tuoi file con gli amici

WILLIAM SHIRER CADUTA FRANCIA SCARICARE


    SCARICARE WILLIAM SHIRER CADUTA FRANCIA - Da 5 a 7 euro secondo la scelta del cliente Oltre i 5 Kg. Inoltre, aziende terze, con cui siamo affiliati. Da Sedan all'occupazione nazista di William L. Shirer: spedizione gratuita per i clienti La fulminea caduta della Francia davanti all'avanzata delle truppe naziste fu Scopri Kindle, oppure scarica l'applicazione di lettura Kindle GRATUITA. La caduta della Francia. Da Sedan allâ€TMoccupazione nazista. [SHIRER William L. -] on fotun.info *FREE* shipping on qualifying offers. Torino, Einaudi. Acquista il libro La caduta della Francia. Da Sedan all'occupazione nazista di Shirer William in offerta; lo trovi online a prezzi scontati su La. William Lawrence Shirer (Chicago, 23 febbraio – Boston, 28 dicembre ) è stato un William Shirer. Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Jump to navigation Jump La caduta della Francia. Da Sedan all'occupazione nazista ( The Collapse of the.

    Nome: william shirer caduta francia re
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: MacOS. iOS. Windows XP/7/10. Android.
    Licenza:Solo per uso personale
    Dimensione del file:13.70 MB

    WILLIAM SHIRER CADUTA FRANCIA SCARICARE

    Visualizza tutte le applicazioni di lettura Kindle gratuite. Scrivi una recensione cliente. Da 5,30 a 7 secondo la scelta del cliente Oltre i 5 Kg.

    Lexy cartonato con sovra copertina, ottimo 13 -That Yellow Bastard ed. Inoltre, aziende terze, con cui siamo affiliati, potrebbero salvare cookie sul tuo dispositivo e usare tecnologie simili per raccogliere e usare alcune informazioni per la personalizzazione della pubblicità o per analisi.

    Grazie per averci aiutato a far rispettare le regole di pubblicazione degli annunci. Amazon Warehouse Deals I nostri prodotti usati e ricondizionati.

    Iscriviti ad Amazon Prime: Da concordare con il cliente. Mattotti e kramsky labirinti ed. Amazon Business Servizio per clienti business.

    Prime Now Franvia in finestre di 2 ore. Inoltre, aziende terze, con cui siamo affiliati, potrebbero salvare cookie sul tuo dispositivo e usare tecnologie simili per raccogliere e usare alcune informazioni per la personalizzazione della pubblicità o per analisi.

    Book Depository Libri con spedizione gratuita in tutto il mondo. Consegne illimitate in 1 giorno. Visualizza tutte le applicazioni di lettura Kindle gratuite.

    Kindle Direct Publishing Pubblica i tuoi libri in formato elettronico. Metodi di pagamento Cadkta. Shopbop Designer, Marche, Fashion e stile. Il 15 giugno le forze statunitensi diedero il via alla campagna delle Marianne attaccando l'isola di Saipan , cui fecero seguito gli sbarchi a Guam il 21 luglio e a Tinian il 24 luglio. Tra il 19 e il 20 giugno le opposte flotte si affrontarono nella battaglia del Mare delle Filippine : in una serie di scontri aeronavali, i giapponesi persero tre portaerei e ben aerei imbarcati senza riuscire a infliggere agli statunitensi perdite significative; il corpo aereo della Marina giapponese, faticosamente ricostruito nel corso di un intero anno dopo le perdite di piloti e velivoli patite a Midway e nelle Salomone, fu di fatto spazzato via nel corso di quest'unica battaglia, rendendo inutili ai fini bellici le portaerei superstiti.

    Le operazioni nelle Marianne si conclusero quindi entro i primi di agosto con l'annientamento delle guarnigioni nipponiche; in ragione di questa sconfitta, il primo ministro Tojo fu costretto alle dimissioni e rimpiazzato con il generale Kuniaki Koiso []. Preceduto a metà settembre dall'occupazione dei punti strategici dell'arcipelago delle Palau battaglie di Peleliu e di Angaur , lo sbarco nelle Filippine ebbe inizio il 20 ottobre con l'assalto all'isola di Leyte , dove gli statunitensi stabilirono rapidamente una testa di ponte.

    Associazione Culturale Stella Alpina | » Elenco completo

    La perdita dell'arcipelago avrebbe definitivamente tagliato fuori il Giappone dai pozzi petroliferi delle Indie olandesi, e la Marina nipponica era pronta a sacrificare le sue ultime risorse per impedirlo; fu concepito un piano ambizioso: la squadra delle portaerei, ormai quasi inutilizzabile per mancanza di velivoli imbarcati, avrebbe fatto da esca attirando a nord delle Filippine le portaerei statunitensi, permettendo a due gruppi navali di corazzate e incrociatori di convergere sulla flotta d'invasione ammassata davanti Leyte.

    Mentre la lotta infuriava nelle isole del Pacifico le operazioni belliche nell'Asia continentale erano ristagnate, salvo conoscere un'improvvisa recrudescenza nel Nel frattempo, i giapponesi passarono all'offensiva anche sul fronte della Birmania: per tutto il i giapponesi avevano mantenuto un atteggiamento difensivo, limitandosi a contrastare le azioni portate avanti dagli Alleati gli anglo-indiani a ovest, le armate cinesi assistite da contingenti statunitensi a nord , ma nel marzo i reparti giapponesi lanciarono una vasta offensiva operazione U-Go in direzione dell' Assam , sia per occupare gli aeroporti da cui partivano i rifornimenti per i cinesi sia nel tentativo di scatenare una rivolta anticolonialista in India.

    L'operazione si risolse in una catastrofe per i giapponesi, che persero Maggior successo ebbe la campagna intrapresa dai canadesi a partire da ottobre per liberare l'estuario del fiume Schelda , via d'accesso al porto di Anversa : la battaglia della Schelda si concluse in novembre, aprendo una vitale rotta di rifornimento per gli Alleati. I tedeschi persero altro terreno, ma nel complesso riuscirono a stabilizzare solidamente il fronte occidentale []. Nel frattempo, Hitler aveva insistito per preparare una grande controffensiva sul fronte occidentale per dicembre, quando le pessime condizioni meteo potevano impedire agli Alleati di far valere la loro superiorità aerea.

    I panzer di testa, rallentati dal terreno boscoso e dalle intemperie climatiche che avevano anche impedito l'intervento dell'aviazione alleata, giunsero in vista della Mosa il 24 dicembre.

    Tuttavia, grazie alla coraggiosa resistenza di alcuni reparti statunitensi assediati a Bastogne e alla scarsità di rifornimenti tedeschi, in particolar modo di carburante, gli Alleati poterono bloccare l'offensiva e passare al contrattacco: da nord le unità di Montgomery ricacciarono indietro i tedeschi nel corso della battaglia di Ciney , mentre a sud le forze corazzate di Patton liberarono Bastogne dall'assedio il 26 dicembre.

    A cavallo tra il e il ebbero luogo in Ungheria duri scontri tra tedeschi e sovietici, i primi con l'aiuto di reparti dell'esercito ungherese e i secondi appoggiati da contingenti romeni. Mentre infuriavano i combattimenti per le strade di Budapest, le enormi forze sovietiche ammassate più a nord iniziarono la marcia alla volta di Berlino.

    Molto più combattuta fu la battaglia per la Prussia Orientale, attaccata dal 13 gennaio. I tedeschi si batterono con abilità ed efficacia sfruttando il terreno boscoso e le solide fortificazioni, tuttavia le colonne corazzate sovietiche raggiunsero la costa baltica presso Marienburg il 27 gennaio []. Piccoli nuclei di resistenza tedeschi rimasero attivi nella regione del Frisches Haff fino alla capitolazione del Terzo Reich. Dopo la battaglia delle Ardenne e il trasferimento di numerose divisioni verso il fronte orientale, l'esercito tedesco a ovest era ormai in netta inferiorità numerica e materiale nei confronti delle forze alleate [].

    Dopo una fase di riorganizzazione e pianificazione, e anche di scontri tra i vertici britannici e statunitensi sulle priorità strategico-operative da adottare [] , gli Alleati poterono quindi ricominciare l'offensiva; l'opzione migliore per la Wehrmacht era di ripiegare dietro al Reno e di usare il fiume come barriera, ma Hitler si oppose all'abbandono della Renania con il risultato che le migliori unità tedesche finirono annientate nelle offensive concentriche sferrate dagli Alleati tra febbraio e marzo, l' operazione Veritable degli anglo-canadesi e l' operazione Grenade degli statunitensi.

    Il 6 marzo gli statunitensi entrarono a Colonia e, sfruttando la crescente confusione tra le file del nemico, il 7 marzo si impadronirono con un colpo di mano a Remagen di un ponte sul Reno, costituendo una prima testa di ponte a est del fiume []. Più a sud, le colonne del generale Patton avanzarono nell'alta Baviera dirigendo sulla Cecoslovacchia, mentre altre forze statunitensi e francesi penetrarono in Baviera dove il 19 aprile cadde Norimberga e il 2 maggio Monaco [].

    L'esercito tedesco ad ovest aveva ormai cessato di combattere, e milioni di soldati si consegnarono spontaneamente agli alleati per non cadere in mano ai sovietici.

    Il primo collegamento tra reparti sovietici e statunitensi avvenne quindi a Torgau , sul fiume Elba, il 25 aprile. Gli anglo-statunitensi passarono all'offensiva anche in Italia a partire dal 6 aprile: i britannici sfondarono il fronte sul lato adriatico nella zona delle Valli di Comacchio mentre gli statunitensi avanzarono al centro su Bologna , liberata il 21 aprile; gli Alleati valicarono quindi il Po e dilagarono verso nord.

    Il 25 aprile i partigiani italiani diedero il via a un'insurrezione di massa in tutta l'Italia settentrionale, affrettando la dissoluzione della Repubblica Sociale Italia; Mussolini, in fuga verso la Germania nascosto a bordo di un convoglio di truppe tedesche, fu catturato dai partigiani e fucilato il 28 aprile. Gli anglo-statunitensi proseguirono quindi verso nord alla volta dell'Austria, dove ai primi di aprile avevano fatto il loro ingresso anche le forze sovietiche: Vienna stessa fu conquistata dall'Armata Rossa il 13 aprile dopo alcuni duri scontri in città, e i sovietici si incontrarono il 4 maggio con gli statunitensi nella regione di Linz [79].

    Hitler decise di rimanere in città e di organizzare la difesa, contando su reparti raccogliticci di Waffen-SS straniere, resti di Panzer-Division disciolte e truppe del Volkssturm e della Hitlerjugend. La battaglia casa per casa fu durissima e sanguinosa, i sovietici avanzarono passo passo da tutte le direzioni lentamente e a costo di pesanti perdite.

    Potrebbe piacerti:RICAMI VP3 DA SCARICA

    Mentre scontri sanguinosi infuriavano ancora a Praga , dove la popolazione ceca era insorta contro i tedeschi all'approssimarsi delle prime colonne sovietiche, il governo di Flensburg allestito da Dönitz si accinse ad accettare la resa imposta dagli Alleati. All'inizio del era ormai chiaro che il Giappone aveva perso la guerra. Sul mare gli Alleati avevano ormai una superiorità schiacciante. Mentre portaerei e navi da battaglia battevano le città costiere giapponesi, la flotta di sommergibili della US Navy aveva imposto un sostanziale blocco alle importazioni navali nipponiche, in una sorta di vittoriosa riedizione della guerra sommergibilistica tedesca in Atlantico: complice anche l'insufficiente dispositivo di protezione al traffico mercantile allestito dalla Marina giapponese, i sommergibili statunitensi inflissero danni catastrofici affondando mercantili pari a circa 5,3 milioni di tonnellate di stazza lorda, facendo crollare le importazioni nipponiche dalle 48 milioni di tonnellate di merci del alle 7 milioni di tonnellate del Non di meno, la resistenza dei reparti giapponesi raggiunse vette di fanatismo altissime.

    Già durante gli scontri aeronavali nelle Filippine nell'ottobre , i giapponesi avevano costituito un reparto di piloti volontari da impiegare in missioni suicide: definiti come Kamikaze , questi piloti erano addestrati a schiantarsi deliberatamente contro le navi nemiche con aerei imbottiti di esplosivo, un buon sistema per compensare il carente addestramento delle ultime generazioni di piloti nipponici; la disperazione spinse i giapponesi a convertire alle tattiche kamikaze negli ultimi mesi di guerra interi squadroni, dotandoli anche di velivoli appositi i Yokosuka MXY7 che non erano più che missili a pilotaggio umano.

    Superato lo shock iniziale, gli statunitensi furono ben presto in grado di contrastare questa tattica: negli scontri nelle acque di Okinawa l'aviazione nipponica perse quasi 7. Era convinzione generale che solo un'invasione anfibia dello stesso Giappone avrebbe potuto mettere fine alla guerra in Asia.

    L'esperienza dei combattimenti su Iwo Jima e Okinawa faceva agevolmente prevedere che i giapponesi avrebbero opposto una resistenza fanatica, e i pianificatori alleati stimarono in un milione e mezzo i morti tra i reparti impegnati nell'operazione; atterriti da una simile prospettiva, i comandi degli Alleati si misero alla ricerca di una strategia alternativa [].

    Nell'agosto una lettera a firma di Albert Einstein , indirizzata al presidente Roosevelt, aveva sollevato presso il governo statunitense il pericolo che la Germania nazista potesse impiegare le recenti scoperte scientifiche in materia di fissione nucleare per realizzare un ordigno dalla potenza distruttiva mai vista prima.

    Questa lettera fu l'atto di nascita del programma statunitense per la realizzazione di una bomba atomica : sotto il nome in codice di " Progetto Manhattan ", il programma si avvalse della collaborazione di centinaia di scienziati statunitensi e britannici coordinati dal fisico Robert Oppenheimer.

    Gran parte della Manciuria cadde in mano sovietica entro il 19 agosto e, mentre alcune unità proseguivano l'avanzata in direzione della Corea settentrionale, operazioni anfibie portarono all'occupazione di Sachalin e delle isole Curili entro i primi di settembre []. Davanti a questi disastri, il governo giapponese non poté fare altro che capitolare.

    L'imperatore Hirohito non era mai stato un convinto sostenitore della guerra, ma aveva sempre preferito non intromettersi nelle decisioni del governo e lasciare fare ai suoi ultramilitaristi ministri; nel corso di una riunione nella notte tra il 9 e il 10 agosto, tuttavia, l'intervento di Hirohito fu determinante nel convincere il gabinetto imperiale ad accettare la richiesta alleata di una resa incondizionata.

    Un tentativo di colpo di stato promosso da ufficiali di basso grado che non volevano accettare la resa fu stroncato sul nascere dalla fedeltà all'imperatore dimostrata dai reparti, e il 15 agosto Hirohito in persona lesse alla radio l'annuncio dell'accettazione dei termini di resa formulati dagli Alleati. Il 28 agosto i primi reparti statunitensi fecero il loro ingresso incontrastati nella capitale nipponica e il 2 settembre seguente, a bordo della corazzata USS Missouri ancorata nella Baia di Tokyo , il generale MacArthur presiedette alla cerimonia della firma dell'atto di capitolazione del Giappone, ponendo formalmente fine alla guerra mondiale [].

    Benché esempi di bombardamento aereo delle città si fossero verificati già durante la prima guerra mondiale, la seconda guerra sino-giapponese e la guerra di Spagna, fu nella seconda guerra mondiale che la pratica di condurre bombardamenti strategici contro i centri abitati e industriali raggiunse le sue vette più alte.

    Gli inizi furono abbastanza cauti: aerei tedeschi bombardarono svariate città polacche nel settembre ma con effetti abbastanza limitati, fatta eccezione per i grandi raid organizzati ai danni di Varsavia sul finire della campagna. Sul fronte occidentale, a parte poche fallimentari incursioni britanniche contro i porti del nord della Germania, i bombardamenti sulle città non iniziarono fino all'avvio della campagna di Francia nel maggio il bombardamento di Rotterdam da parte dei tedeschi il 14 maggio fu dovuto più che altro a un errore di comunicazione, ma fu preso a pretesto da Churchill per autorizzare attacchi aerei sui centri industriali tedeschi e, nella notte tra il 15 e il 16 maggio, i velivoli del Bomber Command britannico attaccarono depositi di carburante e snodi ferroviari a Gelsenkirchen [].

    A partire dal 7 settembre una campagna di bombardamenti notturni quasi quotidiani il cosiddetto The Blitz si abbatté su Londra, mentre raid di non minore intensità colpivano altri centri dell'Inghilterra; particolarmente distruttivo fu il bombardamento di Coventry del 14 novembre. La nomina nel febbraio del maresciallo Arthur Harris alla guida del Bomber Command diede nuovo impulso ai bombardamenti strategici britannici. L'accento fu posto sempre più sulla conduzione di veri e propri "bombardamenti terroristici", ovvero rivolti a terrorizzare la popolazione civile tedesca e indebolire la sua volontà di continuare la guerra [].

    Alla fine del ai britannici si unirono le forze aeree statunitensi, organizzate nella Eighth Air Force del generale Carl Andrew Spaatz ; gli statunitensi adottarono un approccio diverso, puntando su bombardamenti di precisione condotti di giorno e confidando nella corazzatura e nel pesante armamento difensivo dei bombardieri Boeing B Flying Fortress e Consolidated B Liberator per respingere i caccia tedeschi.

    La chiave del successo per gli Alleati fu l'entrata in linea, alla fine del , del caccia North American P Mustang : velivolo di lunga autonomia, il Mustang poteva scortare i bombardieri durante tutto il loro tragitto sopra la Germania e attaccare le forze della Luftwaffe ogni volta che se ne presentava l'occasione.

    Il bombardamento strategico comparve tardi nel teatro di guerra del Pacifico, ma qui fece registrare enormi successi per gli Alleati. Benché alcuni raid fossero stati condotti a partire dalla Cina operazione Matterhorn , solo dopo la conquista delle Marianne i bombardieri B statunitensi divennero una presenza costante nei cieli giapponesi.

    I primi attacchi della Twentieth Air Force nel novembre , bombardamenti di precisione condotti a bassa quota, si rivelarono poco efficaci, disturbati dalle difese giapponesi e dalle pessime condizioni meteo.

    L'Italia fu bersagliata dagli aerei britannici fin dai primi giorni dopo l'entrata in guerra: queste prime azioni colpirono principalmente il triangolo industriale Genova-Milano-Torino e le basi navali di La Spezia e Napoli , ma non si rivelarono particolarmente efficaci o distruttive. In totale, la stima delle vittime dei bombardamenti aerei sull'Italia si aggira su un totale di L'impiego del bombardamento strategico fu relativamente più limitato sul fronte orientale, dove le opposte aviazioni erano più concentrate nel supporto ai reparti a terra.

    Si ritiene che circa In tutti i paesi invasi dalle forze dell'Asse nel corso della guerra si svilupparono, in maniera più o meno estesa e più o meno intensa, forme e movimenti di collaborazionismo con gli occupanti e, dall'altro lato, di resistenza agli invasori. Si possono definire diverse differenze tra la Resistenza nell'Europa occidentale e quella nell'Europa orientale. In Francia il territorio vasto e ricco di rifugi, la tradizionale ostilità verso i tedeschi e la particolarità che vedeva almeno fino al novembre parte del territorio nazionale non direttamente occupato dalla Germania favorirono la nascita di un vasto movimento resistenziale.

    Oltre che contro i tedeschi, i partigiani francesi maquis dovettero fronteggiare le formazioni collaborazioniste espressione tanto del governo di Vichy quanto di vari gruppi politici fascisti interni, spesso ferocemente rivali gli uni con gli altri; l'organizzazione collaborazionista più attiva fu la Milice française , nata nel gennaio Dopo lo sbarco in Normandia i maquis furono riuniti in una struttura più "regolare", le Forces Françaises de l'Intérieur , efficacemente impiegata nelle operazioni di rastrellamento dei reparti tedeschi rimasti isolati dall'avanzata alleata e poi confluita nelle forze armate della Francia Libera [].

    L'Italia fu l'ultimo paese dell'Europa occidentale a sviluppare un proprio movimento resistenziale, visto che i primi gruppi si formarono solo dopo l'armistizio del settembre ; tuttavia, fu in Italia che si verificarono le azioni di guerriglia più violente e le repressioni tedesche più sanguinose di tutta l'Europa occidentale. I vari partiti politici antifascisti dai monarchici ai comunisti costituirono quasi immediatamente una struttura di comando unitaria il Comitato di Liberazione Nazionale , anche se i rapporti tra le varie anime della Resistenza non furono sempre idilliaci e occasionalmente degenerarono in fatti di sangue come nel caso dell' eccidio di Porzûs.

    Ad ogni modo, le forze partigiane italiane riunite nel Corpo volontari della libertà arrivarono a organizzare un gran numero di unità armate, capaci anche di operazioni su vasta scala che portarono, nel corso del , alla temporanea creazione di vere e proprie " Repubbliche partigiane " nei territori occupati; la reazione dei tedeschi e delle forze collaborazioniste della Repubblica Sociale Italiana fu di pari intensità, concretizzandosi spesso in sanguinose azioni di rappresaglia contro la popolazione civile come nei casi della strage di Marzabotto , dell' eccidio delle Fosse Ardeatine , e dell' eccidio di Sant'Anna di Stazzema.

    La principale formazione armata era la Armia Krajowa AK , arrivata a contare anche Le spietate politiche razziali e di spoliazione adottate dai tedeschi portarono allo sviluppo di un vastissimo movimento di Resistenza sovietica nelle regioni invase dell'URSS arrivato a contare al suo picco anche Tentativi di creare un fronte comune fallirono ben presto, e nell'ottobre ELAS ed EDES si affrontarono in una guerra aperta in cui furono coinvolti anche i reparti britannici, sbarcati ad Atene nell'ottobre dopo la ritirata dei tedeschi dalla zona; questi scontri, intervallati da fragili tregue, furono i prodromi della guerra civile greca che avrebbe infuriato fino alla fine del [].

    Simile fu la situazione in Jugoslavia, dove i comunisti dell' Esercito Popolare di Liberazione della Jugoslavia EPLJ dovettero ben presto confrontarsi armi alla mano con i partigiani nazionalisti dell' Esercito jugoslavo in patria o "cetnici" ; la contesa fu tale che i cetnici arrivarono anche a cooperare in molti casi con le forze occupanti dell'Asse contro i partigiani comunisti.

    Benché si proponessero come liberatori dei popoli asiatici dal giogo coloniale degli europei, i giapponesi attuarono politiche severe nei territori da loro occupati, asservendo le economie locali alle esigenze belliche del Giappone, confiscando materie prime e reprimendo con spietatezza ogni forma di dissenso; i territori più fortunati come Filippine e Birmania furono consegnati a governi fantoccio in tutto e per tutto asserviti al Giappone, quelli più sfortunati come Corea, Malesia e Indonesia furono sottoposti a vere e proprie politiche di "nipponizzazione" della società [].

    Alcuni movimenti resistenziali furono creati direttamente dagli Alleati, come nel caso del Seri Thai thailandese o dell' Esercito di liberazione coreano ; in vari casi, unità speciali alleate armarono contro i giapponesi le minoranze etniche perseguitate come i Daiacchi del Borneo o i Karen della Birmania.

    Altri movimenti resistenziali furono invece espressione di partiti politici autoctoni, in primo luogo comunisti: fu questo il caso dell' Esercito anti-giapponese dei popoli malesi o dell' Organizzazione anti-fascista birmana; vari di questi movimenti avversavano tanto i giapponesi quanto il ripristino delle vecchie autorità coloniali, come nel caso del Viet Minh indocinese. I movimenti di Resistenza anti-giapponese numericamente più forti furono quello cinese e quello filippino.

    La Resistenza filippina fu parimenti molto estesa, arrivando a contare anche Il periodo della seconda guerra mondiale vide l'apice delle politiche di persecuzione razziale avviate dalle istituzioni naziste fin dalla loro presa del potere. Intere categorie di persone e gruppi etnici furono etichettati dai tedeschi come Untermensch letteralmente "sub-umano" , considerati come inferiori alla " razza ariana " e quindi privati di ogni diritto e soggetti a ogni tipo di persecuzione; oggetto dell'odio nazista furono, in particolare, gli ebrei , i popoli romaní , i popoli slavi , gli omosessuali , i malati di mente e portatori di handicap, alcuni tipi di minoranze religiose come testimoni di Geova e pentecostali.

    La discriminazione economica e sociale di queste categorie di persone, la loro detenzione in campi di prigionia Lager e i primi tentativi di sterminio come nel caso della Aktion T4 , il programma di soppressione dei malati di mente e dei portatori di malattie genetiche avevano avuto luogo già negli anni , ma conobbero un'impennata dopo l'inizio della guerra. Subito dopo l'occupazione della Polonia, le autorità naziste avviarono l'uccisione di massa dei membri dell' intelligencija polacca, mentre i territori del Governatorato Generale furono selezionati come zona di detenzione per gli ebrei deportati dalla Germania e dalle regioni occupate a ovest.

    In varie città polacche furono allestiti dei ghetti nazisti all'interno dei quali furono ammassate a forza centinaia di migliaia di persone, ben presto cadute vittime di malattie e denutrizione; nel ghetto di Varsavia Il trattamento riservato ai territori polacchi e sovietici occupati fu di una brutalità estrema: nei piani di Hitler le regioni conquistate a oriente dovevano essere asservite a un regime di stampo coloniale, con una classe dirigente di origine tedesca incaricata di governare milioni di slavi locali ridotti a una condizione di sostanziale schiavitù; ogni "eccedenza" di popolazione locale rispetto alle esigenze dei dominatori doveva essere deportata di là dagli Urali , oppure lasciata morire.

    L'intera produzione di materie prime e alimenti fu asservita alle esigenze dei tedeschi causando migliaia di morti per fame Ogni parvenza di classe intellettuale di origine slava fu soppressa tramite ondate di fucilazioni; i tedeschi instaurarono un regime del terrore, compiendo massacri a ogni minimo segno di opposizione: circa villaggi in Ucraina furono completamente rasi al suolo e i loro abitanti sterminati in quanto sospetti rifugi dei partigiani locali [].

    Alle politiche razziali tedesche non sfuggirono i prigionieri di guerra sovietici, privati in tutto e per tutto dei diritti concessi loro dalle convenzioni internazionali in merito: con l'approvazione delle più alte cariche militari tedesche sul fronte orientale, dei 5,5 milioni di soldati sovietici caduti in mano tedesca, circa 3,3 milioni morirono in enormi campi di prigionia per esecuzioni, fame, privazioni e gelo [].

    Calcolare il numero delle vittime causate dalle politiche razziali della Germania è molto difficile, per quanto svariati studi susseguitisi negli anni siano giunti a una stima compresa tra i 15 e i 17 milioni di morti comprendente circa 6 milioni di ebrei, 6 milioni di civili sovietici, 1,8 milioni di civili polacchi, più di Azioni criminali e massacri perpetrati sulla base di motivazioni razziali non furono appannaggio dei soli tedeschi.

    Libri di William L. Shirer

    Le unità delle Waffen-SS tedesche si macchiarono di ripetuti crimini di guerra tanto sul fronte orientale quanto su quello occidentale, come nei casi del massacro di Le Paradis il 27 maggio 97 prigionieri di guerra britannici assassinati dopo la cattura e del massacro di Malmédy il 17 dicembre 84 prigionieri statunitensi uccisi ; le unità delle SS furono incaricate delle rappresaglie più brutali inflitte alle popolazioni occupate, come nei casi del massacro di Lidice in Cecoslovacchia il 10 giugno morti tra fucilati e deportati nei campi di sterminio , del massacro di Oradour-sur-Glane in Francia il 10 giugno morti e la strage di Marzabotto in Italia il 29 settembre-5 ottobre morti.

    Anche i reparti dell'esercito regolare tedesco non furono esenti dal commettere crimini e atrocità, come nei casi dell' eccidio di Cefalonia il settembre 6. La commissione di certi crimini fu in qualche modo "istituzionalizzata" dal governo tedesco tramite l'emissione di appositi provvedimenti formali, come l' Ordine Commando , l' Ordine del commissario e il Decreto "Notte e Nebbia". Le truppe di occupazione italiane attuarono azioni di rappresaglia in Jugoslavia e Grecia non troppo dissimili da quelle commesse dalle altre forze dell'Asse uccisione di partigiani feriti o dei maschi validi sorpresi in zona di combattimenti, presa e fucilazione di ostaggi tra la popolazione civile, devastazione di villaggi , anche se non con la brutalità estrema messa in luce da tedeschi o croati; tra gli episodi più gravi vi fu la strage di Domenikon in Grecia il 16 febbraio circa civili uccisi come rappresaglia per un attacco partigiano.

    Le politiche di occupazione del Giappone in Asia non furono dissimili da quelle adottate dalla Germania in Europa, come messo già in luce dai fatti del massacro di Nanchino del dicembre I giapponesi si ritennero investiti del ruolo di "civilizzatori" delle masse asiatiche, il che si tradusse in pratica in ondate di soprusi e massacri: dopo la conquista della Malesia, almeno Il sistema di lavori forzati imposto alle popolazioni assoggettate era analogo a quello dei tedeschi: circa Migliaia di donne coreane, cinesi, filippine e provenienti da altre zone occupate furono trasformate, a volte con la forza e molto spesso con l'inganno, in schiave sessuali le cosiddette Comfort women per soddisfare i bisogni delle truppe nipponiche; sul numero esatto delle donne coinvolte vi è grandissimo dibattito, andando da un totale di Circa la metà dei Circa 3.

    Benché su scala enormemente inferiore per quantità e intensità rispetto alle forze dell'Asse, anche gli Alleati si macchiarono di crimini di guerra e di atrocità nel corso del conflitto, sebbene non equiparabili al sistematico uso della violenza da parte di tedeschi e giapponesi.

    Tra le truppe statunitensi non era sconosciuta la pratica di uccidere prigionieri di guerra o soldati nemici appena arresisi; le inchieste formali furono rare e pertanto non vi sono registrazioni o archivi completi in merito a questi episodi, che per la maggior parte sono riportati solo nei ricordi personali dei singoli soldati []. Tra i pochi casi che diedero luogo a inchieste ufficiali vi furono il massacro di Biscari del luglio l'uccisione di 73 soldati italiani e tedeschi presi prigionieri [] e il massacro di Dachau del 29 aprile l'uccisione di un certo numero di guardie delle SS, mai accertato con precisione ma probabilmente intorno alle 50, subito dopo la liberazione del campo di concentramento di Dachau [].

    Vi sono dei riferimenti a ordini di ufficiali superiori statunitensi, in almeno un caso messi per iscritto, secondo cui non si dovevano prendere prigionieri i membri delle Waffen-SS, in particolare dopo i fatti del massacro di Malmédy []. Nel teatro del Pacifico, vari resoconti riferiscono come i soldati statunitensi [] e australiani [] fossero più che riluttanti a prendere prigionieri i giapponesi che si arrendevano, preferendo invece giustiziarli sul posto; tra le truppe statunitensi fu rilevata la pratica di prendere come trofei teste, denti od orecchie dai cadaveri dei giapponesi uccisi, cosa vietata dalle convenzioni internazionali [].

    WILLIAM SHIRER CADUTA FRANCIA SCARICARE

    Soldati statunitensi compirono stupri tanto nel teatro di guerra europeo che nel Pacifico. Secondo alcuni studi, tra il e il militari statunitensi commisero circa Non vi sono evidenze documentali ufficiali circa la commissione di stupri di massa da parte delle forze statunitensi impegnate nel teatro del Pacifico, ma numerose e circostanziate testimonianze riferiscono della commissione di numerosi stupri da parte di soldati e marines statunitensi nel corso della battaglia di Okinawa nel giugno [] [] ; alcuni studi hanno stimato in circa Nel periodo compreso tra il 7 dicembre e il 22 febbraio le corti marziali dell'esercito statunitense condannarono a morte per stupro 69 soldati [].

    Nel corso della campagna d'Italia, le forze coloniali del Corps expéditionnaire français en Italie si macchiarono di numerosi stupri nonché di saccheggi e uccisioni di civili in Sicilia e nella regione del Basso Lazio , in una serie di episodi collettivamente noti come " marocchinate ". Il saccheggio delle proprietà private, già diffuso tra le truppe anglo-statunitensi in Francia e in Belgio, divenne una pratica comune una volta che i reparti entrarono in Germania [].

    Tra l'aprile e il maggio più di Tra il febbraio e il giugno circa 2 milioni di polacchi e Le comunità ebraiche presenti nei territori di nuova acquisizione furono trattate duramente: le autorità furono arrestate e deportate, le associazioni e i movimenti giovanili furono chiusi e le pratiche religiose fortemente osteggiate; gli ebrei tedeschi che avevano trovato rifugio in URSS negli anni furono in gran parte rastrellati e riconsegnati alla Germania [].

    Le deportazioni colpirono le persone senza distinzioni di sesso o età, e furono accompagnate da massacri di quanti si opponevano o non erano in grado di affrontare il viaggio. Una volta superati i confini dell'URSS, le forze dell'Armata Rossa si abbandonarono a ripetuti saccheggi, uccisioni di civili e stupri, in un sorta di grande vendetta per le distruzioni causate dai tedeschi in Unione Sovietica; i comandi sovietici non autorizzarono né incoraggiarono tali pratiche ma fondamentalmente non fecero nulla per prevenirle o mettervi fine, salvo quando la loro prosecuzione ostacolava la continuazione delle operazioni belliche [].

    Il 6 febbraio un ordine di Stalin dispose la deportazione di tutti i tedeschi atti al lavoro compresi tra i 17 e i 50 anni, perché contribuissero a riparare i danni della guerra in URSS; poiché la maggior parte degli uomini era sotto le armi, i deportati furono in maggioranza donne.

    Il saccheggio di proprietà private divenne un fatto comune, e verso la fine del conflitto interi impianti industriali furono smontati perché venissero trasferiti in URSS. Lo stupro divenne attività comune tra le truppe sovietiche: oltre alle donne tedesche, ne caddero vittima anche le donne polacche e le donne sovietiche liberate dai lavori forzati.

    Chi tentava di reagire o impedire uno stupro veniva generalmente ucciso []. Truppe sovietiche compirono stupri, saccheggi e uccisioni di civili anche nel corso dell'invasione della Manciuria nell'agosto [] []. I prigionieri di guerra sovietici liberati e i civili deportati per lavorare come manodopera schiava furono trattati con enorme sospetto, e diversi di loro furono arrestati o uccisi dall'NKVD.

    I sovietici entrati a far parte dei reparti collaborazionisti stimati tra un milione e un milione e mezzo furono quasi sempre giustiziati sul posto una volta catturati dall'Armata Rossa: benché molti di loro fossero entrati al servizio dei tedeschi per convinzioni politiche, diversi altri avevano aderito solo per evitare una morte di stenti nei campi di prigionia [].

    Dopo la riconquista della regione della Voivodina nell'ottobre , la locale minoranza ungherese fu oggetto da parte dei partigiani jugoslavi di uccisioni e internamento in campi di prigionia, per un totale di morti stimato tra i Le uccisioni di sloveni e croati nell'immediato dopoguerra si congiunsero a quelle degli italiani di Venezia Giulia e Dalmazia, nel corso degli eventi noti come massacri delle foibe iniziati già nel settembre gli italiani vittime degli jugoslavi ammontarono tra i 4.

    Le condizioni di pace tra gli Alleati e le potenze minori dell'Asse furono definite nei trattati di Parigi del 10 febbraio I confini dell'Europa orientale furono riportati sostanzialmente alla situazione esistente all'inizio del , ma con alcune modifiche: la Romania dovette cedere la Dobrugia alla Bulgaria, la Finlandia, oltre a dover riconoscere le perdite territoriali già inflitte dalla guerra d'inverno del , perse la regione di Petsamo a vantaggio dell'Unione Sovietica; l'Austria riottenne l'indipendenza, ma fu sottoposta a un regime di occupazione da parte delle potenze vincitrici fino al Furono inoltre riconosciuti i guadagni territoriali conseguiti tra il e il dall'Unione Sovietica la Polonia orientale, gli Stati baltici e la Bessarabia , che inoltre si annesse la porzione nord della Prussia Orientale e la Transcarpazia.

    Le trattative riguardanti il Giappone si protrassero più a lungo e portarono alla stipula del trattato di San Francisco l'8 settembre il paese fu privato di tutte le conquiste conseguite al di fuori delle isole patrie, venendo in pratica riportato ai confini precedenti la prima guerra sino-giapponese , oltre a dover cedere le isole Curili all'Unione Sovietica.

    Una definizione generale della questione tedesca fu impedita dai contrasti sorti in seno agli Alleati, e il paese rimase diviso: con il Trattato Generale del 26 maggio le potenze occidentali acconsentirono alla costituzione di uno Stato tedesco indipendente, la Repubblica Federale di Germania , nelle zone da loro occupate, ma la zona sovietica rimase sotto l'orbita di Mosca come Repubblica Democratica Tedesca ; la stessa Berlino rimase divisa in una zona ovest controllata dagli Alleati occidentali e una zona est controllata dai sovietici [].

    La seconda guerra mondiale fu il conflitto più distruttivo della storia moderna: le stime delle morti causate dal conflitto, mai definite con precisione, variano da 55 milioni a 60 milioni, comprendendo 25,5 milioni di sovietici, 13,5 milioni di cinesi, 6 milioni di polacchi un quinto della popolazione prebellica, la proporzione più alta tra i paesi coinvolti [] , 5,25 milioni di tedeschi, 2,6 milioni di giapponesi, Solo i grossi sforzi della United Nations Relief and Rehabilitation Administration impedirono lo scoppio di epidemie devastanti a modello dell' influenza spagnola del [].

    Milioni di tedeschi furono cacciati da terre in cui abitavano da secoli circa 7 milioni dalle regioni cedute alla Polonia, 3 milioni dalla Cecoslovacchia, Infine, svariate migliaia di ebrei sopravvissuti ai campi di sterminio iniziarono una migrazione di massa alla volta del Mandato britannico della Palestina , innescando un lungo conflitto con le popolazioni arabe locali [] [].

    La Società delle Nazioni , che aveva chiaramente fallito nel prevenire la guerra, fu abolita e al suo posto venne costruita, nel , l' Organizzazione delle Nazioni Unite. Francia e Paesi Bassi tentarono di opporsi con le armi alla decolonizzazione finendo con il ritrovarsi invischiati in due sanguinosi conflitti, la guerra d'Indocina e la guerra d'indipendenza indonesiana ; alla fine, l' Indonesia ottenne l'indipendenza nel mentre l'Indocina francese fu ripartita nel nei nuovi Stati di Vietnam del Nord , Vietnam del Sud , Cambogia e Laos [].

    Altri progetti. Images, videos and audio are available under their respective licenses. Home FAQ Contact.

    Seconda guerra mondiale Wikipedia open wikipedia design. Disambiguazione — "WWII" rimanda qui.

    Totale : 50 milioni Militari: 17 milioni Civili: 33 milioni Totale : 12 milioni Militari: 8 milioni Civili: 4 milioni. Le due rese della Germania: in alto la delegazione tedesca sigla la resa a Reims il 7 maggio, in basso sigla la resa a Berlino l'8 maggio. Horne URL consultato il 13 ottobre URL consultato il 15 ottobre Solo uno di loro ha ammesso di aver sparato a un prigioniero e ha aggiunto che, pur provando un certo rimorso, lo avrebbe fatto di nuovo.

    URL consultato il 16 ottobre Sparks, Dachau and its liberation , su 45thinfantrydivision. URL consultato il 16 ottobre archiviato dall' url originale il 28 settembre ISBN ISBN X. URL consultato il 26 dicembre URL consultato il 30 dicembre Sharpe, , p. URL consultato il 31 dicembre URL consultato il 18 ottobre URL consultato il 19 ottobre EN AA. Bauer, Storia controversa della seconda guerra mondiale , 7 volumi, De Agostini, Beevor, Stalingrado , Rizzoli, Beevor, Berlino , Rizzoli, Biagi, La seconda guerra mondiale , vol.

    I, Fabbri Editori, Bialer, I generali di Stalin , Rizzoli, Bocca , Storia d'Italia nella guerra fascista , Mondadori, Bullock, Hitler e Stalin, vite parallele , Garzanti, Carell, Arrivano!

    Carell, Operazione Barbarossa , Rizzoli, Carell, Terra bruciata , Rizzoli, Cervi , Storia della guerra di Grecia , Rizzoli, Churchill , La seconda guerra mondiale , 6 volumi, Milano, Mondadori, Deakin, La brutale amicizia , Einaudi, D'Este, Lo sbarco in Sicilia , Mondadori, De Felice , Mussolini il Duce , Einaudi, De Felice, Mussolini l'alleato , Eianudi, Deighton, La guerra lampo , Longanesi, Erickson, The road to Stalingrad , Cassel, Erickson, The road to Berlin , Cassel, Glantz e J.

    House, When titans clashed , Grande Dizionario Enciclopedico , Vol. X, UTET, , p. Hastings, Apocalisse tedesca , Mondadori, Hastings, Overlord , Mondadori, Hillgruber A.

    Hillgruber, La strategia militare di Hitler , Rizzoli, Hillgruber, La distruzione dell'Europa , Il Mulino, Horne, Come si perde una battaglia , Mondadori, Jacobsen e J. Kershaw, Hitler. Knox, Alleati di Hitler , Garzanti, Liddell Hart , Storia militare della seconda guerra mondiale , Milano, Mondadori, Morris, La guerra inutile , Longanesi, Overy, Russia in guerra , Il Saggiatore, Overy, La strada della vittoria , Il Mulino, Pallud, The Battle of the Bulge, then and now , Pieri; G.

    Rochat, Pietro Badoglio , Mondadori, Read e D. Fisher, La caduta di Berlino , Mondadori, Rochat , Le guerre italiane , Einaudi, Ryan , Il giorno più lungo , Rizzoli, Ryan, Quell'ultimo ponte , Mondadori, Salisbury, I giorni , Il Saggiatore, EN Martin A. Shirer , La caduta della Francia , Einaudi, Shirer, Storia del Terzo Reich , Einaudi, Thomas; P.